BRICS Labour and Employment Ministers’ Meeting – Discorso di Guy Ryder (ILO) agosto 2018

agosto 3, 2018

BRICS Labour and Employment Ministers’ Meeting  COMUNICATO STAMPA ILO (Organizzazione internazionale del lavoro)

Make social dialogue work

ILO Director-General, Guy Ryder, praises the commitment to social dialogue and tripartism made by BRICS nations – Brazil, Russia, India, China and South Africa – in a speech at the group’s Labour and Employment Ministers’ Meeting in South Africa.

Madame Chairperson – Madame Minister Mildred Oliphant,
Honourable Representatives of our host municipality and region,
Ministers, Representatives of Governments, Employers and Workers,
Colleagues, Ladies and Gentlemen,

I begin by expressing sincere gratitude to you, Madame Minister, and to your team for the excellent arrangements made for this meeting and for bringing us to your beautiful home region.

Thank you too for the opportunity offered to me to address this 4th Meeting of BRICS Labour and Employment Ministers , as I have each of the previous meetings in Ufa, in Delhi and last year in Chongqing .

I think that this reflects the importance of the partnership which has developed between the BRICS group and the ILO since the idea of a BRICS labour track was born in Brazil back in 2014. Allow me to convey to you today how much the ILO values this relationship and our strong commitment to offer you our support for your ongoing work. This is also demonstrated by the presence here in Durban of senior colleagues from the ILO technical departments responsible in each of the issues on your agenda and from the Turin International Training Centre .

Ministers, this commitment has its origins in three considerations:

  • Firstly, individually each of the BRICS countries, for very obvious reasons, plays a key and leading role in our organization and in the international system more generally. Through our offices in each one of your countries we are working closely, and I believe productively, on a permanent basis.
  • Secondly, the BRICS Labour and Employment Ministerials address critically important questions which stand high on the ILO’s agenda of priorities. That is certainly the case with the South African Presidency’s choice of the theme of “Developing Countries for Intensive Growth and Shared Prosperity in the New Industrial Revolution”. So by working with you here collectively we are able to advance these global priorities for a remarkably high proportion of the people that we serve.
  • And the third consideration is that we are very conscious of the great, and increasing, importance that the BRICS Group has acquired on the international stage, and this at a time when the pressures faced by the multilateral system pose important challenges to international cooperation. Proof of this may be found in the BRICS Summit Declaration adopted in Johannesburg just last week. It is, if I may be allowed to say so, a document of great vision, breadth, and ambition, and stands out for its ringing endorsement of the United Nations, of which the ILO is a part, multilateralism, and of the strengthened system of global governance to which we must contribute if the shared prosperity that we seek is to be achieved.

Madame President,

As we move forward from this Ministerial in Durban with the important Declaration that has been proposed for your adoption, to next year’s Brazilian Presidency which in a sense completes the first cycle of BRICS Labour and Employment Ministerial Meetings, my belief is that it is of crucial importance that the issues which we address find their full and proper place not only in BRICS declarations but in substantive cooperative work programmes and in implementation. And I will return to that thought briefly at the end of my remarks.

But just before that, a few comments about the substance of today’s and tomorrow’s agenda.

Certainly the South African Presidency is to be congratulated for giving prominence to social dialogue and tripartism – and the presence of the strong worker and employer representation in this room from which we have already heard shows that it is truly “walking the talk” on this, in BRICS and also in NEDLAC as we have heard, and I am very encouraged that BRICS considers tripartism as an integral part of its work. For obvious reasons this is music to the ILO’s ears. And this meeting comes shortly after this year’s International Labour Conference had an important discussion on social dialogue and adopted a resolution on it. That discussion confirmed the inherent value of social dialogue, particularly at times of deep and accelerated change in work, and reflected the variety of ways in which it can be and is practised in our member States around the world. But I am conscious as well of the pressures and challenges faced by tripartism. Its value is questioned by some, and in general it is becoming more difficult, or so it seems, for us to talk and to listen to each other.

The best response, I believe, is to demonstrate the added value of social dialogue by making it work. So I hope that the fullest use will be made, by the social partners in particular, of the space and opportunity afforded to them here in the BRICS arena.

Madame Minister,

I have the habit of saying that when I ask a Labour Minister of any of our 187 member States  what their absolute top priority is, the answer nine times out of ten is jobs for young people. I don’t know if that applies to the BRICS but in any case it is absolutely right that youth employment figure in your deliberations. We know the immensity of the challenge, and we know that we need multi-pronged approaches balancing demand side and supply side interventions, and we know that skills formation must be at the heart of what we do.

From these understandings we simply have to pass to concrete action. At the ILO we are leading the UN-wide Global Initiative on Decent Jobs for Youth, thus spearheading the system’s delivery on the key SDG 8  of the UN 2030 Sustainable Development Agenda .

And because we are aware that youth employment depends crucially on overall labour market conditions, allow me, Madame Minister to congratulate the Government of South Africa for its determination to convene a Jobs Summit later this year. We know how important it is and the ILO stands ready to offer whatever assistance may be helpful to its success.

But in a meeting such as this on inclusive growth and on shared prosperity, we must address the largely unfinished business of women’s participation and equal pay. Not coincidentally this was precisely the subject of my own report to this year’s ILC, which advocated a new push for gender equality. Essentially that report asked one question. How is it possible, more than half a century after the ILO adopted fundamental rights conventions on equal pay and on gender non-discrimination, and following their ratification by the great majority of countries, that a woman still has 30% less chance of being in the labour force – and often being at the bottom of the ladder even then and will be paid on average about 20% less than men.

What, then, are the continuing obstacles to equality and more importantly, what must we do to finally break them down? One of the answers and maybe the most important has to do with care and the care economy. Women today do the overwhelming part of unpaid care work – and this often prevents them entering paid work. World-wide there is a very marked “motherhood employment penalty” for women with young children. Just looking at the BRICS countries, 42% of those women work while for fathers the figure is 88%. Moreover the ILO estimates that a high road and professional care economy has the potential to generate no less than 159 million new jobs in your countries.

And on the issue of pay – the ILO is a co-leader of the new Equal Pay International Coalition, EPIC, established to deliver on SDG 8.5 of the 2030 Agenda which is equal pay for work of equal value. That coalition would gain enormously from the concerted support of the BRICS countries.

Madame Chair,

Coming finally to social protection, it is heartening indeed to recognize both the substantive work undertaken together by BRICS Labour and Employment Ministers, and also the extraordinary progress made at national level in your countries which means that many millions of people previously unprotected now enjoy benefits which enhance their income security and access to health care. This progress is reflected in the interest in ratification of the relevant ILO Conventions in BRICS countries. I particularly refer to Convention 102, and I understand that that process is close to conclusion in the Russian Federation – which I warmly welcome.

Understanding that we still have much to do, and much to learn from each other, I believe that the BRICS Social Security Cooperation Framework, launched last year in Chongqing has enormous potential which we must fully exploit, and which with our colleagues from ISSA the ILO stands ready to support, not least as we take up the challenge of delivering SDG 1.3 on nationally appropriate social protection floors for all.
And that leads me to my final point.

With the Framework on Social Security and the BRICS Network of Labour Research Institutes that was also established in Chongqing last year, you have already put in place some important mechanisms to sustain and to deepen substantive policy cooperation among the BRICS countries. The MoU attached to the draft Durban Declaration provides a platform to take this forward, and I see this as a most important opportunity to ensure that social and labour issues do indeed occupy their full and proper places in BRICS processes.

I regard it as a responsibility of the ILO to accompany you in the initiatives that you decide upon.

That is precisely why my colleagues from the Turin Centre are here and will present to the meeting tomorrow morning a partnership proposal between the BRICS, the Turin Centre and the ILO itself which I believe can help strengthen our work together in the areas of key importance, to give us continuity and to give us capacities for implementation. One of the benefits will be to strengthen our capacities to facilitate South-South and triangular cooperation.

Madame Chair,

These are thoughts which I hope can carry us forward from Durban to the Brazilian Presidency with commitment and with optimism.

I am mindful as others have been that next year is the ILO’s centenary year, and this coincides also with the celebration of the Mandela centenary which we will also mark.

As you know, the ILO is focusing its centenary on the future of work, with a Global Commission, co-chaired by President Ramaphosa of South Africa and the Prime Minister of Sweden, and in which Commissioners of every BRICS country are serving. That Commission will publish its report in January and it may be that BRICS Labour and Employment Ministers will wish to take it into account as you plan the future of your own work. We have real opportunities, I believe, to go forward together.

With this let me again congratulate you, Madame Minister, for your leadership and thank you all for your attention.

Tags: future of work, employment policy, social protection, ILO Director General, ILO centenary

Regions and countries covered: South Africa, Brazil, India, China, Russian Federation

 

Annunci

Stefano Saletti & Banda Ikona – Concerto a Villa Ada – Roma incontra il mondo 2018 (2 agosto 2018)

agosto 1, 2018

20180801_141454

In un momento in cui si tende a innalzare nuovi muri, con brani di Fairuz, Umm Kulthum, Amalia Rodrigues, SezenAksu, Rosa Balistreri e il repertorio di Stefano Saletti & Banda Ikona, questo splendido concerto del 2 agosto – attraverso voci di donne cantanti, scrittrici, madri, rifugiate, e migranti e attraverso l’incontro di tradizioni musicali delle due sponde del Mare nostrum – vuole raccontare il Mediterraneo, (mare che bagna e divide l’Europa, l’Africa, i Balcani e il Medio Oriente)  per evidenziare (attraverso la musica e le parole) che ciò che unisce è più forte di ciò che divide.

Sul palco:

– una grande orchestra popolare, la Banda Ikona con Stefano Saletti (oud, bouzouki, chitarre, voce), Gabriele Coen (fiati), Mario Rivera (basso acustico), Carlo Cossu (violino), Giovanni Lo Cascio (batteria e percussioni), Arnaldo Vacca (percussioni), Alessandro D’Alessandro (organetto)

– alcune delle voci più affascinanti della scena popolare e world : Barbara Eramo, Lucilla Galeazzi, YaseminSannino, Gabriella Aiello, Eva Coen, Raffaela Siniscalchi.

Ospiti Nando Citarella (voce e tammorra) e PejmanTadayon (ney, daf) del Cafè Loti.

Ci sarà anche la partecipazione del coro “Voci migranti”curato da Stefano Saletti e Barbara Eramo, del “Baobab Ensemble” e di due cori diretti dal maestro Angelo Fusacchia: il Coro Rifugiati e richiedenti asilo Centri Sprar Cooperativa sociale “Tre Fontane” e il Coro polifonico“Istituto Corelli”.

Ue:una nuova Agenda per la cultura?

luglio 26, 2018

img-20170514-wa0004

Ue: una nuova Agenda per la cultura? E’ il titolo della mia inchiesta, leggibile in questo ultimo numero di Tempo Libero (rivista  on line della Fitel):  qui  di seguito il suo link:

https://ita.calameo.com/read/004570318dab7987d7f8d

Buona lettura!

img-20170514-wa0004

Moda autunno-inverno 2O18

luglio 20, 2018

20180720_113920

 

L’ autunno-inverno 2018 sarà caratterizzato,in particolare, da fiori, righe, nodi, superficie lucide, argento, mix, mantelle, capi soffici e piumini.

 

 

UE e lavoratori distaccati

luglio 16, 2018

                                                      img-20170514-wa0004

Un lavoratore distaccato è un dipendente che viene inviato dal suo datore di lavoro a prestare temporaneamente servizio in un altro Stato membro dell’UE.  I lavoratori distaccati nell’Unione – secondo statistiche del Parlamento europeo –  erano 2,3 milioni nel 2016.  Il fenomeno del distacco è aumentato del 69% tra il 2010 e il 2016. Imprese italiane hanno distaccato all’estero 114.515 i lavoratori, di cui il 18,7% in Francia, il 10,2% in Germania e il 36,6% al di fuori dell’Unione, in Svizzera. Sono invece 61.321 i lavoratori distaccati in Italia, più della metà provenienti dalla Germania (18,8%), dalla Francia (18,3%) e dalla Spagna (14%).

Il 9 luglio 2018,  è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale UE la Direttiva n. 957 del 28 giugno 2018 – che apporta modifiche alla Direttiva n. 96/71 sul distacco transnazionale del lavoratori – alla cui adozione si sono fortemente opposte, sia le organizzazioni datoriali  europee,  sia  i  paesi dell’Est (“esportatori” di manodopera a basso costo).  Qui di seguito il suo link:

https://www.chiomenti.net/public/files/0/Direttiva-UE-2018-957-sul-distacco-dei-lavoratori.pdf.

Gli Stati membri UE dovranno adeguare le normative nazionali essere entro il 30 luglio  2020.

La nuova direttiva traccia una rotta chiara verso un’Europa più sociale, con una concorrenza più equa tra imprese e con un miglioramento dei diritti dei lavoratori. Anche se non esente da criticità, – segnando una svolta – la direttiva riflette il “principio che lo stesso lavoro nello stesso posto dovrebbe essere retribuito allo stesso modo”. E cambia, in modo significativo, l’approccio UE al problema del dumping salariale. 

La direttiva stabilisce nuovi limiti di durata massima del distacco transnazionale, fissati in 12 mesi, con  possibilità di proroga di 6 mesi. Trascorso tale termine, il lavoratore può restare o lavorare nel Paese ospitante, ma dovrà a quel punto essere soggetto all’intera normativa sul lavoro vigente in quello Stato.

La direttiva prevede inoltre nuove regole per la retribuzione da corrispondere ai lavoratori distaccati all’estero.  A tutti i lavoratori distaccati si applicheranno le norme del Paese ospitante in materia di retribuzione. Gli Stati membri dovranno, inoltre, applicare anche i contratti collettivi regionali o settoriali, se di ampia portata e rappresentativi (finora applicati solo nel settore delle costruzioni).  La finalità è quella di garantire una migliore protezione dei lavoratori distaccati e una concorrenza leale tra imprese.  

Il versamento dei contributi (previdenziali e pensionistici) a favore del lavoratore distaccato va effettuato nel Paese di origine, mentre la retribuzione è quella del paese ospitante. In altri termini, il distacco permette a una società di inviare in un altro Stato dell’Unione un proprio lavoratore, versando i contributi nel Paese d’origine: questo principio è stato criticato, negli ultimi anni, dopo l’allargamento della Unione ai paesi dell’Est, poiché questi ultimi hanno costi previdenziali e salariali assai più bassi dei paesi dell’Ovest (la Francia, ma anche l’Italia, li hanno accusati di dumping sociale, inviando propri lavoratori all’Ovest, in particolare nei settori dell’edilizia e dei trasporti).

Superato il periodo massimo, devono essere applicate  –  in toto –  le regole del Paese in cui si svolge la prestazione di lavoro.

In caso di distacco fraudolento, ad esempio operato da una società di comodo, gli Stati membri dovrebbero cooperare per garantire che i lavoratori distaccati siano protetti perlomeno dalle tutele contenute nella direttiva.

Al settore dei trasporti si applicherà la legislazione settoriale specifica, inclusa nel Pacchetto mobilità, una volta che sarà approvata. Fino ad allora, sarà applicata – per il settore – la direttiva del 1996.

Tra i punti critici di questa nuova direttiva, un Nota della CGIL sottolinea quanto segue:

  • sono state cancellate le regole su appalti e sub-appalti previste nella proposta iniziale della Commissione;
  • si legittima la catena dei distacchi: l’impresa utilizzatrice può, a sua volta, distaccare il lavoratore somministrato in altro Stato membro (art. 1 della nuova Direttiva);
  • il periodo di distacco di 12 mesi può sempre essere esteso a 18 mesi (nuovo par. 1-bis dell’art. 3);
  •  dopo questo periodo si applica la regola della parità di trattamento ma NON per ​alcune materie (es. procedure, formalità e condizioni per la conclusione e la cessazione del contratto di lavoro) e per i contratti aziendali e territoriali​;
  •  qualsiasi disposizione applicabile ai lavoratori distaccati nel contesto di un distacco superiore a 12 ​(​o 18 mesi​) deve ​inoltre essere compatibile con la liber​a prestazione di servizi;
  • i contratti collettivi nazionali conclusi dalle organizzazioni sindacali più rappresentative possono essere applicati SOLO se viene garantita la parità di trattamento tra imprese (nuovo paragrafo 8 dell’art. 3);
  •  le indennità di trasferta sono pagate secondo la legge dello Stato d’origine;
  • continuano a mancare sanzioni in caso di mancata cooperazione tra Stati membri;
  • continuano a mancare sanzioni in caso di distacco illegittimo;
  • la nuova direttiva non si applica al settore dei trasporti.

img-20170514-wa0004

 

Il gioco dell’amore e del caso in scena a Villa Medici (Roma) – 10-20 luglio 2018

luglio 11, 2018

20180711_145922 

20180712_210401

    Muriel Mayette-Holtz (artista attrice regista, ex-Amministratrice della Comédie Française e attuale direttrice dell’Accademia di Francia a Roma) – tornando alle origini – firma la regia di un classico del teatro francese del ‘700, “Il Gioco dell’amore e del caso” di Pierre de Marivaux, dal 10 al 20 luglio 2018 in scena nella sua Villa Medici, con una compagnia di attori che offre il testo in due lingue (passando dal francese all’italiano) con musiche dal vivo, composte ed eseguite da Margot Mayette.

In questo geniale lavoro sulla complessità dei sentimenti, un doppio scambio di ruoli dà luogo a un flusso inarrestabile di equivoci.

Questa la sua trama..

Orgone ha una figlia, Silvia, alla quale concede di vestire i panni della sua cameriera, Lisetta, allo scopo di studiare segretamente i comportamenti del suo futuro sposo, il giovane Dorando. Anche Dorando, però, ha usato lo stesso stratagemma: mascherato da Arlecchino, suo servitore, studierà il comportamento di Silvia. Silvia e Dorando, nei panni dei rispettivi servi, si innamorano e la stessa cosa accade anche ai due servitori che indossano le vesti dei loro padroni. Dopo ripicche, equivoci, e necessari chiarimenti, la commedia avrà il suo lieto fine con il doppio matrimonio tra Silvia e Dorando e tra Arlecchino e Lisetta.

Nei panni dei giovani protagonisti, il pubblico trova gli attori del Centro Teatrale Santa Cristina fondato da Luca Ronconi e Roberta Carlotto: Silvia è Marina Occhionero, Dorando è Luca Tanganelli; i panni di Lisetta li veste Marial Bajma Riva; Matteo Cecchi è Arlecchino, Matthieu Pastore è Mario.

Nella splendida cornice di Villa Medici: bello spettacolo, divertente, brillante  e intrigante!

20180713_003935

Alta Roma -International Couture

luglio 8, 2018

ARS_2726-722x1024ARS_2808-682x1024

http://www.lfmagazine.it/altaroma-le-sfilate-di-international-couture-affascinano-cinecitta/

– Questo servizio non e’ stato scritto da me

 

Il Consiglio europeo del 28-29 giugno 2018

giugno 29, 2018

20180629_065919

Questo vertice  si è soffermato, in particolare, su migrazione, sicurezza e difesa, occupazione crescita e competitività, e innovazione digitale.  Nelle sue Conclusioni,  tra l’altro, i leader sottolineano la necessità di “adeguare i nostri regimi fiscali all’era digitale” e – in un contesto di di crescenti tensioni commerciali – l’importanza,sia di “preservare e approfondire il sistema multilaterale disciplinato da regole”, sia di misure UE di riequilibrio dinanzi alla “decisione Usa di imporre all’UE tariffe sui prodotti di acciaio e alluminio”.    Circa l’innovazione digitale, tra l’altro, i leader si soffermano sull’importanza di “ conseguire risultati in merito alle rimanenti proposte legislative riguardanti il mercato unico digitale”;  “disporre di dati di elevata qualità per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale”; “migliorare l’accesso delle imprese ai finanziamenti”;  “incoraggiare la cooperazione tra ricerca, innovazione e istruzione anche mediante l’iniziativa relativa alle università europee”.   Inoltre il vertice invita la Commissione a “lanciare una nuova iniziativa pilota sull’innovazione pionieristica per il periodo restante di Orizzonte 2020”.

E per la migrazione cosa è stato deciso?          –   In merito,  hanno vinto Orban,   i  nazionalismi  sovranisti  e  la logica di accordi bilaterali.

I leader hanno ribadito che ” il buon funzionamento della politica dell’UE  presuppone un  approccio  globale  alla  migrazione che  combini  un controllo più efficace delle frontiere esterne dell’UE,  il rafforzamento  dell’azione esterna  e  la dimensione interna,  in linea con i nostri principi e valori” .    E  hanno convenuto che si tratta di una sfida, non solo per il singolo paese dell’UE, ma per l’Europa tutta.   Tuttavia, c’è stata una regressione clamorosa.

E’ passato  il concetto di  “Centri sorvegliati istituiti negli stati membri”,  che il presidente Macron vorrebbe  solo in Paesi di primo approdo.   Si è stabilito che i ricollocamenti saranno solo volontari.   La riforma di Dublino – di fatto –  è  stata rinviata a mai, o alle calende greche!  Parte  delle risorse da destinare all’Africa verranno prese dal FSE.

La  grande sconfitta  è  l’Europa,  proprio quando servirebbero,  invece,  visioni (e politiche) comuni   – e  condivise  –  per far fronte alle sfide  cui si trova confrontati, visto che nessuno Stato può farcela da solo;  e  visto che  le  frontiere mediterranee dell’UE sono importanti quanto quelle orientali.

Il metodo  intergovernativo  vi  ha acquisito nuovi spazi.   I  toni trionfali con i quali le conclusioni sono state salutate dai paesi di Visegrad non lasciano dubbi alcuno, in merito. Sono ripartiti  –  da Bruxelles   –   senza condanne;   e con  il riconoscimento di potere continuare a innalzare barriere di filo spinato sui propri confini a loro individuale arbitrio.

Di sicuro, c’ è un problema di accoglienza.

Questo Vertice è stato poi  seguito da un patto Markel -Seehofer   (che salva il governo Merkel, ma  imbarazza l’Spd, e segna un bel dietrofont – “dalle porte aperte alle frontiere chiuse” –  e un  colpo per i diritti umani)  e da più Accordi bilaterali  che vanno oramai delineandosi (Germania-Austria, Austria-Ungheria, Ungheria-Germania,ecc.).  Per mettere fine ai movimenti secondari (l’attidudine di Roma di lasciar fuggire oltre le Alpi i richiedenti asilo dei quali, secondo le regole, dovrebbero prendersi cura), Vienna minaccia di chiudere il Brennero, con controlli ai confini da luglio.  Kurz conferma la volontà austriaca di bloccare gli ingressi con l’Italia (con controlli alle frontiere) se la Germania confermerà gli accordi bilaterali  che chiudono i suoi confini.

E se salta la libera circolazione, addio Europa!   La cancellazione di Schenghen è ben poco responsabile.

Ma   –   oggi più che mai   –   ci sarebbe anche da chiedersi  che  fare  per  risolvere  i  problemi (le  vere  ) che causano tali dolorosi esodi?  Chi ne assicura un serio monitoraggio? Sarebbe utile una Task force inter-istituzionale (UE – Consiglio d”Europa – Onu ecc.)  anche per meglio decidere cosa poter fare, cosa fare, e – o per meglio coordinare quanto si fa?    Servono Pace (dove ci sono conflitti)  e  Sviluppo  (istruzione, infrastrutture,  imprenditorialità, lavoro dignitoso, lotta a cambiamenti climatici e desertificazione ecc.)  dove dominano miseria,  fame,  sotto-sviluppo,  e traffico di esseri umani.     E  questo non esonera né da un’accoglienza che non si traduca in detenzione (anche trentennale e più’) –  né da una Politica migratoria dell’Unione europea (UE), comune e illuminata, in cui tutti si assumano oneri e responsabilità (anche umanitarie).

Da parte sua,  il ministro Salvini , per arginare gli arrivi, va a cercare sponde a Budapest, Vienna e in Baviera: proprio tra gli oltranzisti più contrari ad accogliere anche un solo rifugiato dall’Italia!

Qui di seguito alcune dichiarazioni di leader “europei”.     Il    presidente Emmanuel Macron – che ha proposto di creare in Europa “centri controllati”  –  ha precisato che questi centri controllati “vanno fatti nei Paesi di primo ingresso” e che “le regole di diritto internazionale e di soccorso in mare sono chiare:  è il Paese sicuro più vicino che deve essere scelto come porto di approdo”.
Il premier belga Charles Michel ha ricordato che “gli Stati in prima linea continueranno ad assumersi la responsabilità”.   Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha negato di voler nuovi centri in Spagna: “noi li abbiamo già e funzionano benissimo”.  Per il premier polacco Mateusz Morawiecki  “la cosa più importante è che non ci sia il ricollocamento obbligatorio dei rifugiati”.

Qui di seguito,  anche la valutazione delle Conclusioni del vertice,   in  una Dichiarazione della brava Capo-delegazione degli eurodeputati Pd, Patrizia Toia che  spiega, in modo semplice:   “La novità’ di questo summit è l’introduzione del concetto dei centri ‘controllati’ in cui rinchiudere i migranti che arrivano in Europa. La riforma di Dublino invece è rimandata alle calende greche, nelle conclusioni non si fissa una data, come era stato fatto in passato, e si parla di ‘consenso’ cioè unanimità, che grazie ad Orban non ci sarà mai. Le due cose insieme comportano che resta la responsabilità del Paese di primo approdo ma ora si aggiunge la responsabilità di bloccare i migranti sul territorio nazionale, in altre parole è passato il principio che ‘chi sbarca in Italia resta in Italia’.
I centri ‘controllati’ sono su base volontaria ma è evidente che dopo questo summit se si dovesse ripetere una crisi migratoria come quella del 2015 i Paesi europei che non affacciano sul Mediterraneo si sentiranno autorizzati a chiudere le frontiere e la libera circolazione di Schengen se l’Italia e i Paesi di primo approdo non assicureranno la permanenza sul proprio territorio dei migranti.
Capiamo la necessità di salvare la cancelliera Merkel dall’attacco dei populisti bavaresi e di salvare la libera circolazione di Schengen, ma di fronte all’enorme concessione di accettare in linea di principio il concetto di centri ‘controllati’ l’Italia avrebbe potuto e dovuto ottenere una vera contropartita, come degli impegni veri sulla riforma di Dublino. Senza una normativa europea giuridicamente vincolante sulla redistribuzione dei migranti gli altri Stati membri non si sentiranno mai responsabilizzati sulla questione migratoria. In fatti al summit si è deciso di finanziare il Fondo per l’Africa togliendo soldi al Fondo europeo per lo sviluppo, invece che con i contributi nazionali. E’ una vergogna ed è la dimostrazione plastica della vittoria di Orban”.

A livello UE (tra l’altro) servirebbe una  vera strategia di alleanze, che vada  nel senso di un’Unione più equa, e non della sua distruzione.   Nel corso della storia, già  troppi nazionalismi sono degenerati in sistemi autoritari  e guerre!  Bisognerebbe  ritrovare il senso vero della cooperazione internazionale, e del processo d’integrazione europea.

A Berlino come a Bruxelles,  qualcuno dice già apertamente che una scissione del blocco Cdu-Csu sarebbe la fine dell’Unione europea.    Merkel ha appena stretto accordi bilaterali con Spagna e Grecia, per rispedire i clandestini che erano sbarcati lì, ma non è riuscita a convincere il premier Conte a fare altrettanto.      Il bavarese Seehofer, che avrebbe voluto respingere al confine i migranti illegali “in base al Trattato di Dublino”, prima ha dichiarato “non mi può licenziare” e  poi  ha trattato, con  A. Merkel (e il suo partito) un Compromesso “Accordo per migliorare il controllo, l’orientamento e il freno all’immigrazione secondaria”  che prevede (tra l’altro)  “Centri di transito” a tempo indeterminato, ai confini tedeschi:   un bel colpo ai diritti umani,  su cui si dovrà ora esprimere il terzo partner della coalizione di governo,  i socialdemocratici di  Spd (che tre anni fa hanno respinto un accordo simile).  Per i socialdemocratici ci sono troppe incognite in questo accordo Seehofer- Merkel .   Non vogliono vedere famiglie di migranti dietro il filo spinato.  E  si  chiedono:  se  è lecito togliere loro la libertà,  e per quanto tempo (giorni mesi- anni?).   E ancora cosa succede se Austria e Italia  rifiutano di riprendersi gli illegali ?  Vienna si è già dichiara  pronta a impedire l’ingresso di ogni migrante ( solo o accompagnato dalla polizia tedesca). E ancora: cosa saranno queste zone di transito? Carceri ?  Città extraterritoriali?   La richiesta iniziale di Seehofer di mandare indietro –  sempre e comunque  –  i migranti illegali, è per ora caduta.   Ci vorrà il consenso “amministrativo” dei partner europei per cacciarli dalla Germania.   I profughi saranno riportati nel primo paese di approdo solo se c’è un accordo in tal senso  tra i rispettivi governi   “altrimenti il respingimento verrà eseguito direttamente alla frontiera con l’Austria”  in  base a un’intesa con questo paese.

Se l’Austria chiude il Brennero – ha dichiarato da parte sua  il ministro Enzo Moavero – andrebbe contro lo spirito del Consiglio europeo per una gestione comune della migrazione”.

 

Priorità UE alla 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite

giugno 25, 2018

                                             cropped-20180503_110431

In vista della 73esima Assemblea generale dell’Onu  che sarà presieduta dal  Ministro degli Esteri ecuadoriano Maria Fernanda Espinosa Garces  –  quarta donna eletta  (con le congratulazioni del Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres) per ricoprire tale carica nella storia delle Nazioni Unite – l’Unione europea ha formalizzato le proprie priorità:

a. Pace e prevenzione dei conflitti

b.  l’Agenda – comune – positiva (2030)

c. un maggior impegno su scala globale

Così l’Unione europea ribadisce alcuni suoi principi, e valori, proprio mentre il presidente Trump opta per protezionismo e “american first”; e tira fuori gli USA (tra l’altro) dall’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, e dal  Consiglio dei diritti umani delle Nazioni unite (per protestare contro pregiudizi anti-Israele, ignorando le analogie, pur riscontrabili, tra gli effetti della sua opzione “Tolleranza zero” –  bambini in gabbia separati dalle propri genitori – e quelli di orribili prassi  naziste!).  

L’UE si impegna  –  innanzitutto  –  a rafforzare il multilateralismo.

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile  resta il Progetto congiunto di azione. Negli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, l’Unione europea (UE) vede una straordinaria opportunità di sradicare la povertà e di realizzare uno sviluppo sostenibile nelle sue 3 dimensioni: l’economica, la sociale e l’ambientale. Per la prima volta, l’UE e i suoi partner si sono impegnati in un Agenda universale per il progresso, fornendo un quadro completo e condiviso di azione entro il 2030, centrato su  queste parole-chiave: persona, pianeta, prosperità, pace e partenariato. La sua implementazione sarà coordinata con l’implementazione dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e altri impegni internazionali. L’UE darà il suo sostengo per la riforma delle Nazioni Unite per rendere il sistema più coordinato, efficace,efficiente, integrato, trasparente e affidabile. Previste anche nuove iniziative per eliminare la violenza contro donne e ragazze, e contro lo sfruttamento e abuso sessuale.

Al centro del multilateralismo l’UE pone:

  • la promozione e protezione dei diritti umani;
  •  l’accelerazione dell’azione per il clima e l’implementazione dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici;
  • il negoziato di un Patto globale sull’ambiente (oceani puliti,  conservazione delle biodiversità marine, governance delle risorse idriche, e legame tra acqua diritti umani migrazioni pace e conflitti)
  • il Patto globale sui rifugiati e un Pattoo globale su migrazione sicura, ordinata e regolare
  • l’anti-terrorismo e la non proliferazione delle armi di distruzione di massa.

Le conclusioni evidenziano inoltre che partnership e sensibilizzazione sono essenziali per  promuovere un forte multilateralismo a livello nazionale, dove è più importante. Le conclusioni sottolineano anche l’importanza di un partenariato strategico globale UE-ONU.

EU priorities at the United Nations and the 73rd United Nations General Assembly (September 2018 – September 2019)

                                         cropped-20180503_110431

PREMIO Bellisario 2018

giugno 23, 2018

1280x720_1528788616718_premio bellisario streaming.jpg

Donne ad alta quota – Eccellenze italiane –

A quali donne e’ stato attribuito il prestigioso  Premio Bellisario (30esima edizione) nel 2018? A  tutte,  i miei piu’ sinceri Complimenti !

Per dettagli:

http://www.ufficiostampa.rai.it/dl/UfficioStampa/Articoli/PREMIO-BELLISARIO-e63731ee-ba03-4f75-9cda-7cc468e23760.html

20180623_174251