Archive for the ‘Uncategorized’ Category

UE: Proposta di direttiva sulla due diligence delle imprese per la sostenibilita’

Maggio 10, 2022

IL CARTELLONE 2022-2023 DEL TEATRO QUIRINO (Roma)

Maggio 9, 2022

La stagione teatrale 2022-2023 del Teatro Quirino – con brio e simpatia presentata il 9 maggio 2022, in particolare, da Geppy Gleijeses e Guglielmo Ferro, e da attori, scrittori registi e produttori – alla luce delle sue variegate proposte, e dei suoi strepitosi protagonisti (attori, registi ecc.) risulta ricca e interessante, divertente, intrigante e brillante. Saranno messi in scena ( ivi incluso con loro riscritture, audaci adattamenti e veri e proprio sorpredenti sconvolgimenti ) testi classici e contemporanei, di autori che vanno da Casini Prati Suriano a Seneca, da Michele Guardi a Romain Gary e William Shakespeare, da Luigi Pirandello a Arthur Miller, da Federico de Roberto a Molière, da Henrink Ibsen a Carlo Buccirosso, da Agatha Christie a Tennesse Williams, da Eduardo De Filippo a Giovanni Verga, da Florian Zeller a Roberto Cavosi, da Giovanna Gra a Francesco Niccolini, da Emilia Csrantini a Harold Pinter. Previsto anche uno spettacolo con il Balletto di Roma per celebrare i 100 anni dalla nascita di astor Piazzolla: Astor un secolo di tango.

Di certo e’ una programmazione che non mancherà di suscitare emozioni, suspense, stupore e sorprese, riflessioni, belle risate e relax.

L’OIL evidenzia i benefici della contrattazione collettiva

Maggio 7, 2022

Un nuovo Rapporto mondiale dell’Organizzazione internazionale del lavoro #OIL #ILO sulla #CONTRATTAZIONECOLLETTIVA evidenzia la correlazione tra tassi di copertura della contrattazione e divergenze salariali: piu’ alto é il numero di lavoratori coperti dalla contrattazione (Italia 80% e San Marino 100%) e minori sono le differenze salariali e le diseguaglianze nelle condizioni di lavoro.
Qui di seguito la sintesi del rapporto in italiano: https://www.ilo.org/rome/risorse-informative/comunicati-stampa/WCMS_844315/lang–it/index.htm Qui di seguito la banca dati sulle relazioni industriali nel mondo https://ilostat.ilo.org/topics/collective-bargaining/

Buoni da morire al teatro Quirino (Roma, 3-15 maggio 2022)

aprile 29, 2022

Una coppia decisamente borghese decide di passare una vigilia di Natale diversa, unendosi a dei volontari che portano dei generi di conforto ai vari barboni, sparsi sui marciapiedi o sotto i colonnati della città. Questa esperienza gli fa provare una strana sensazione di appagamento: essere buoni non è poi così difficile.

Si coricano – ritrovandosi – con questa piacevole sensazione!

Ma il giorno di Natale, il campanello di casa squilla. Sulla porta Ivano: decisamente alticcio, sudicio, e puzzolente di alcol economico. Ha trovato un biglietto da visita inavvertitamente perso da Emilio.

Fuori una tempesta di neve sta spazzando la città.  Che fare?  Emilio e Barbara non sono più davanti a una semplice digressione esistenziale…

C’è da prendere una decisione…  

Mimi’da Sud a Sud al Teatro Quirino (Roma)- 26 aprile- 1 maggio2022

aprile 23, 2022

Un viaggio sulle note delle canzoni di Domenico Modugno, con cui Mario Incudine e Domenico Modugno ci raccontano un mondo che cambia, che lotta, che sogna, che sfida convenzioni e stereotipi.  

Mimì, un uomo del Sud che potrebbe avere mille nomi diversi, siamo noi di ogni giorno che passa: Noi di Ieri, Noi di Oggi, Noi di Domani. Noi che desideriamo Volare ma che non sempre sappiamo di avere le ali per poterlo fare.

Noi che desideriamo Volare ma che non sempre sappiamo di avere le ali per poterlo fare.

UE e lavoratori su piattaforma: a che punto siamo?

aprile 17, 2022

Qui di seguito un mio punto della situazione ad oggi

Ue e salario minimo: ?a che punto siamo?

aprile 17, 2022

Unione europea e salario minimo: ho fatto un punto della situazione su Euroeconomie Qui di seguito il link per poterlo leggere..

Guerra in Ucraina: per quanto tempo… ancora?

aprile 8, 2022

Ho capito – anche ascoltando piu’analisti – cosa ostacola,oggi, un negoziatodi pace, effettivo tra ucraini e russi. E ho capito le volonta’ , aspettative e ambizioni ( in questa terza Fase di guerra in Ucraina) degli ucraini e dei russi.. Eppure… continuo a chiedermi se non si debba andare oltre la denuncia delle atrocita’ di questa guerra sempre piu’feroce – e Decidere di prevenirne altre – oramai attese, nel Sud del paese – probabilmente ancora piu’devastanti. Ucraini e Russi hanno valutato se il gioco vale la candela? Non sarebbe meglio decidere un Accordo condiviso, in una logica di coesistenza di ucraini e russofoni russofili? Spero che la quinta raffica di sanzioni dell’Occidente spinga i Russi a riflettere. E che gli Ucraini tengano conto di quanto costa – in termini di profughi morti sofferenza della popolazione civile – la loro coraggiosa resistenza. I crimini di guerra stanno conoscendo una crescita esponenziale! C’e’da ritrovare il rispetto della vita – e l’umanita’ nella sua migliore essenza. E una volta accettata la neutralita’ militare un Accordo diventa piu’facile anche in una logica di equilibrio geo-politico.

Parliamo anche di opportuna ricerca di ritorno alla pace! E manteniamo aperto il dialogo.

UE: serve un’Iniziativa europea di pace?

aprile 6, 2022

Se ci si pone l’obiettivo – non solo di una tregua – ma anche di evitare che questa guerra diventi un ulteriore conflitto congelato, evitare ulteriori massacri atrocita’ distruzione e profughi, evitare il rischio nucleare e frasi del tipo “il peggio deve ancora arrivare”, serve una forte Iniziativa di Pace dell’Unione europea. Il Modello in Italia adottato con lo Statuto speciale della Regione autonoma Trentino Alto Adige (anche con adattamenti – se necessario) – se accettato da Ucraini e Russi – potrebbe (una volta risolta anche la questione della neutralità militare dell’Ucraina con più garanti) porre fine al conflitto in corso, e fare prevalere una logica di sana co-esistenza (a dispetto di tutto l ‘odio che questa guerra sta seminando) tutelando anche i russofoni russofili del Sud del paese. MA e’la posizione del governo italiano e dell’UE? Questa ipotesi è presente nei Negoziati in corso? Se ne è discusso anche con USA Cina Turchia ecc.? Si spingerà – tutti – in questa direzione? Quando von der Leyen e Borrel saranno in Ucraina ne parleranno al presidente ucraino ? C’e’da cercare una Soluzione per porre fine a questa guerra – assurda e feroce – e per dare inizio alla ricostruzione. E gli ucraini – tutti – hanno diritto di vivere, e di poter vivere in pace nelle proprie case e nel proprio Paese. Ci sono già 5 milioni di profughi. E si parla gia’ anche di una tratta di bambini a scopo sessuale. E’ora di mettere ordine – rispettando innanzitutto tutti i diritti umani – in questo nuovo ordine mondiale che si sta immaginando? Appoggio pienamente la linea di sanzioni dure per giuste pressioni su Putin, soprattutto alla luce della cieca violenza distruttiva – e inaudita ferocia – delle azioni dei suoi soldati. MA mi chiedo: quanto tempo gli serve per ritrovare il buon senso, e la capacita’ di rispettare la vita, il suo popolo e il suo paese, la democrazia e il diritto internazionale? Questa guerra e’devastante per tutti, e non solo per i paesi membri dell’UE. Tra l’altro, si rischia una carestia in paesi dipendenti dal grano ucraino.

Speriamo almeno che si sappia utilizzare la crisi energetica per una vera nuova strategia nell’area euromediterranea e un vero passo in avanti verso le rinnovabili.

UE: e’ora di una Politica di difesa e estera,comune?

aprile 4, 2022

Si sara’capaci di coordinare gli investimenti dei singoli Stati – per onorare l’impegno del 2% per NATO – a livello UE? Serve una difesaeuropea efficace per contribuire – nel quadro NATO – a una deterrenza efficace. Una Cooperazione rafforzata tra Francia Germania Italia e Spagna – come suggerito anche da Romano Prodi – potrebbe essere un buon punto di partenza per una Politica di Difesa e Estera, comune. In tal senso e’importante vedere chi vincera’ le prossime elezioni presidenziali.La vittoria di Macron potrebbe facilitare tale prospettiva.