Breve presentazione -Commenti e Recensioni sul/del mio ultimo libro – ad oggi

QUI DI SEGUITO – dopo una mia breva presentazione di questo mio lavoro – alcune recensioni e commenti di professori, politici, esperti ecc. – Con questo ultimo mio volume, ho tentato di dare un quadro, più o meno organico, dello stato tuttora incompleto del Progetto europeo (e del’Unione europea):  con  ivi incluso una panoramica delle proposte sul tavolo – al luglio 2021 – sul futuro dell’Unione ( proposte del Movimento europeo Italia, del governo Conte  – successivamente c’è stato anche un documento del governo Draghi allora non disponibile – della Confederazione europea dei sindacati, ecc.).

Lo scopo è quello di dare un’idea dell’Unione europea, nella concretezza delle sue politiche (e non politiche) ed obbiettivi; inserendola in un mondo che cambia (ora  anche per effetto del Covid). Il  tutto  tenendo conto dei difficili rapporti USA-Cina e della difficoltà di definire gli stessi rapporti dell’Unione europea con il resto del mondo (Cina Russia Turchia ecc.).  Dalla fine della guerra fredda fra USA e Russia, e del mondo bipolare, il futuro del sistema internazionale è stato guardato secondo l’alternativa tra il permanere dell’unipolarismo a guida americana e la transizione verso un nuovo multipolarismo (cioè un
sistema politico a livello mondiale caratterizzato dall’aggregazione di singoli paesi – o gruppi politici – attorno a più poli di attrazione).  Si sta andando verso un assetto multipolare, imperniato su tre aree dominanti (Europa,Nord America e Asia del Pacifico)?

Una cosa è, a mio avviso, certa. Se si vuole andare verso un mondo che, in qualsiasi parte del globo, non dimentichi la democrazia, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, serve anche più Europa.   Il tema non è una cessione di sovranità, ma quando utile, la costruzione di una sovranità europea che oggi non c’è.

Con questo libro, tento quindi di capire a cosa si sta effettivamente lavorando, come ci si è arrivati.Se c’è qualcosa da cambiare. E cosa andrebbe cambiato.

Parto dall’avvio del processo d’integrazione europea sulle macerie della seconda guerra mondiale. Mi soffermo  su alcune sue tappe significative, dalle varie riforme dei trattati, al graduale allargamento  dell’UE a  sempre più paesi, senza dimenticare  la Brexit e le diverse motivazioni dell’esplosione di sovranismi e populismi del dopo crisi del 2018-2019. Analizzo i risultati delle elezioni politiche europee del maggio 2019 e mi soffermo sulle priorità della nuova Commissione europea a guida von der Leyen.
Pongo poi un’enfasi particolare sul rivoluzionario Next generation EU, e  su questi  quesiti: a. quale Europa digitale va delineandosi? E quale politica industriale? b. quale Europa verde va delineandosi? In cosa consiste il Green Deal Europe?
c. quale Europa sociale va delineandosi?


RECENSIONI E COMMENTI

Sull’ultimo numero (ottobre 2021) di Tempo Libero (rivista della Fitel) c’e’ una recensione di Ottavio Di Renzo. Qui di seguito il suo Link:

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10220267218247580&id=1141940195

On. Patrizia Toia – Europarlamentare –  “Cara Silvana, ho ricevuto il libro “L’Unione europea. Origini Presente Prospettive future” che mi hai cortesemente inviato e che ho letto con piacere.   Oltre a ringraziarti per avermelo fatto pervenire, vorrei complimentarmi con te per l’imponente lavoro che hai svolto e per l’impegno con cui hai portato avanti questo progetto. Sono molte le nuove sfide che ci attendono a livello europeo e una disamina approfondita è molto utile per tenere alta l’attenzione su questi temi emergenti. Ho apprezzato molto anche l’idea, che mi hai scritto nella lettera allegata, di istituire un premio femminile per donne autrici di volumi europei, tanto da aver riportato questa idea, insieme ad un consiglio di lettura del tuo libro, sui miei canali social.”
   

Prof. Avv. Raffaele Torino – Università degli Studi Roma Tre – “Cara Silvana (se posso). Ho ricevuto stamani il tuo bel e ricco libro sull’Ue. Complimenti per la capacità di maneggiare con grande competenza così tanti profili e per l’analisi precisa degli stessi”.

Prof. Massimo Pendenza – Direttore del Centro Studi Europei (CSE) – Università di Salerno – ” E’ un libro consistente”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...