REGINA MADRE al Piccolo Eliseo (Roma) – 7-17 marzo 2019

 

Autentico caposaldo della drammaturgia italiana del Novecento, REGINA MADRE – scritta dall’autore napoletano Manlio Santanelli e recensita perfino da Eugène Ionesco al suo debutto (ben 30 anni fa) – è oramai un classico, e come tale viene riletta da Carlo Cerciello, intervenuto in parte anche nell’adattamento del testo.

Si tratta di un vero e proprio duello – combattuto con la parola – tra Madre e Figlio, interpretati da due attori del calibro di Fausto Russo Alesi e Imma Villa.

Santanelli – sottolinea Carlo Cerciello – accomuna al medesimo destino fallimentare Alfredo e la sorella Lisa, assente nell’opera, ma continuamente citata. Questo gioco al massacro, infantilmente agito e subìto, mi ha suggerito di mettere in scena il testo, dando concretezza al rituale onirico e psicologico di due fratelli alle prese con il fantasma della Madre»

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10213971497858505&id=1141940195

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10213955739464555&id=1141940195

@ParuoloS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...