Qualcuno volò sul nido del cuculo- Teatro Eliseo (Roma) 10-29 gennaio 2017

img-20170114-wa000020170112_122814

Grande Gasmann e cast strepitoso!

Qualcuno volò sul nido del cuculo è il romanzo che Ken Kesey pubblicò nel 1962 dopo aver lavorato come volontario in un ospedale psichiatrico californiano.  Racconta – attraverso gli occhi di Randle McMurphy  (un delinquente che si finge matto per sfuggire alla galera) – la vita dei pazienti, e il trattamento coercitivo che viene loro riservato. Nel 1971 Dale Wasserman  ne realizzò (per Broadway)  un adattamento scenico, base della sceneggiatura dell’omonimo film di Miloš Forman.  Con lo spettacolo a regia  di Alessandro Gasmann – ora in scena al teatro Eliseo –  la drammaturgia di Wasserman torna in scena con un adattamento dello scrittore Maurizio de Giovanni che  (senza tradirne la natura visionaria)  trasferisce la storia nel 1982 nell’Ospedale psichiatrico di Aversa.

Gassmann si avvale di  un cast eccezionale (e di più  videografie fino ad un epilogo ad effetto). Il suo spettacolo – poetico, coinvolgente e ben fatto, commovente e divertente – si sofferma su malattia e  privazione della libertà. Ed è – precisa lo stesso regista – una “straordinaria metafora sul rapporto tra individuo e potere costituito, sui meccanismi repressivi della società, sul condizionamento dell’uomo da parte di altri uomini. Un grido di denuncia che scuote le coscienze e che fa riflettere”.

Pur trattando temi impegnativi quali “pazzia” – e metodi di di cura disumani e coercitivi -lo spettacolo (in certi momenti piu’film che teatro)  e’ coinvolgente.

In scena Daniele Russo (nei panni dello spavaldo delinquente), Elisabetta Valgoi (l’inflessibile direttrice), Mauro Marino, Giacomo Rosselli, Emanuele Maria Basso, Alfredo Angelici, Daniele Marino, Gilberto Gliozzi, Davide Dolores, Antimo Casertano, Gabriele Granito, Giulia Merelli. Scene di Gianluca Amodio, costumi di Chiara Aversano, disegno luci di Marco Palmieri, musiche di Pivio e Aldo De Scalzi, videografie di Marco Schiavoni. Molto belli colori ed effetti scenici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...